Blog

Ottobre 7, 2019

Manuale di Fotografia Sportiva: Le basi per il fotografo sportivo

In questo Manuale di fotografia sportiva indicherò le linee guida per aiutare chi è agli inizi, le basi del fotografo sportivo, per far sì che tu possa partire con il piede giusto.

Alla fine di questa Guida sulla fotografia sportiva quindi, conoscerai le nozioni base della fotografia sportiva professionale.

Con quello che ti dirò sarai in grado di fare fotografie in qualunque luogo, che si tratti di una palestra scolastica o di uno stadio sportivo professionale.

La fotografia sportiva fa parte dei generi fotografici più diffusi ed è molto impegnativa, in particolare per chi è alle prime armi potrebbe risultare difficile da padroneggiare.

Vedrai che diventerà tutto più semplice fotografare lo sport se farai pratica, ci dedicherai del tempo e soprattutto nell’apprendimento dovrai avere molta pazienza.
Con il tempo riuscirai a creare immagini dall’aspetto sempre più professionale.

In questo tutorial troverai tutto quello che serve per realizzare fotografie sportive, a partire dall’attrezzatura, la composizione fotografica, cosa aspettarsi dal terreno di gioco e infine la post-elaborazione delle immagini digitali.

(Questo tutorial comprende le basi dell’attrezzatura, la composizione, cosa aspettarsi dal gioco e la post-elaborazione delle immagini.)

Attrezzatura base per la fotografia sportiva

Vediamo quale attrezzatura è necessaria per scattare fotografie sportive. Essendo agli inizi non ti preoccupare di spendere molti soldi, però poi come avrai la possibilità investili subito in attrezzature professionali.

Come sicuramente immaginerai c’è una sostanziale differenza tra le attrezzature semi-professionali e quelle professionali. Naturalmente più le cose sono di qualità e più ti renderanno tutto molto più facile.

Prima di acquistare l’attrezzatura devi sapere che ci sono delle fotocamere che hanno delle particolari caratteristiche a cui ti consiglio di prestare attenzione:

Ci sono fotocamere che hanno un servomotore con la messa a fuoco a ciclo continuo.

Questo permette alla fotocamera di mettere a fuoco ininterrottamente e quindi si continua a regolare in automatico mentre il soggetto si muove, avvicinandosi o allontanandosi da te. Ciò sta a significare che non è necessario tenere premuto a metà il pulsante di scatto.

Tale sistema è ottimo per tutti quei sport dove ci sono giocatori che si muovono di continuo da una parte all’altra, come ad esempio il calcio e il rugby.

Esistono fotocamere che hanno un motore di scatto continuo.

Esattamente si tratta del motore dell’otturatore che muovendosi continuamente permette alla fotocamera di scattare più foto al secondo fino a quando si tiene il pulsante dell’otturatore premuto.

Le normali fotocamere generalmente, in modalità continua, scattano tre fotogrammi al secondo. Invece le fotocamere professionali sono in grado di scattare otto fotogrammi al secondo, alcune anche di più. Questo è un aspetto molto interessante per chi punta a catturare il climax nell’azione.

Ti voglio parlare anche dell’obiettivo con apertura costante (come il Canon 70-200 f / 2.8). Premetto che non è strettamente necessario, ma è interessante perché a differenza di un obiettivo con apertura variabile (obiettivo fotografico EF 70-300 f / 4.5-5.6) permette di effettuare le foto sportive in modo molto più facile. Questo perché anche al variare della distanza di messa a fuoco l’apertura rimane costante.

È utile quando si devono fare fotografie di sport che si svolgono di sera oppure al coperto.

Per qualunque tipo di sport che fotografo ho sempre con me un corpo macchina e un obiettivo fotografico con uno zoom lungo, ossia 70-200 f / 2.8 o 70-300 f4.5-5.6.

Questa distanza da la possibilità di fotografare la maggior parte dei campi e inoltre permette di catturare anche l’azione da vicino. Per eventi sportivi più grandi inoltre porto una seconda fotocamera con un obiettivo sempre lungo, ma non zoom.

L’importanza della Composizione fotografica

La capacità di sapere comporre in maniera corretta un’immagine è una delle qualità che permettono di realizzare fotografie sportive professionali che si distinguono in modo netto dalle fotografie sportive amatoriali.

Qual è il miglior punto di vista?

Quando ti trovi a realizzare la tua immagine, la prima cosa a cui devi pensare è il punto da dove scatti. Perciò prima di iniziare a scattare è importante che tu valuti se il posto che hai scelto ti permetta di catturare le immagini migliori.

Nella la fotografia sportiva è fondamentale riuscire a catturare le emozioni, i volti, le azioni dei giocatori.

Per fare questo devi trovare un punto che ti consente di stare allo stesso livello dei giocatori.

Vedrai che così riuscirai a ottenere foto eccezionali.

La foto a destra è stata scattata a margine di un campo di calcio. Da questo angolo gli spettatori riescono a vedere il viso del calciatore e i giocatori in difesa che si trovano dietro a lui.

Non sempre è facile fotografare allo stesso livello dei giocatori a causa dei limiti del posto, ma fare foto dall’alto può anche risultare interessante perché si potrebbero realizzare immagini molto particolari.

Lo Sfondo in una foto sportiva è importante?

foto sportiva sfondo sfocato

Per le foto sportive è importante tenere in considerazione anche lo sfondo.

Il primo aspetto da valutare è se è libero oppure se quello che c’è dietro disturba.

Se il luogo ve lo permette cercate di trovare un punto dove dietro non si vedono ad esempio persone, recinzioni, macchine. Ti consiglio di prenderti del tempo per trovare il posto giusto, che abbia uno sfondo pulito.

Come immaginerai questo non è sempre possibile, ma puoi trovare un compromesso che consiste nel trovare uno sfondo che abbia meno elementi disturbanti.
Ad esempio per sfondo pulito si intende il campo vuoto, il cielo, il bosco oppure se si effettuano foto dall’alto il campo stesso può essere considerato uno sfondo nitido.

Si potrebbe avere a che fare anche con sfondi particolarmente articolati ma che potrebbero non disturbare, però accertatevi bene che non prevalgano sul soggetto.

Presta attenzione all’orizzonte della tua foto

Un altro elemento al quale devi prestare attenzione è l’orizzonte.

Deve essere perfettamente livellato.

Se nel caso ti accorgessi che alcune foto non sono venute proprio a livello hai sempre la possibilità di correggerle durante la post-elaborazione.

Capirai che è importante che l’orizzonte appaia livellato perché se no sembrerà che i giocatori scivolino fuori dall’immagine.

La Preparazione del fotografo sportivo

Per un fotografo sportivo il lavoro inizia sempre prima che inizi l’evento sportivo. Perciò prima di uscire di casa è importante che tu ti assicuri di avere preso tutto quello di cui hai bisogno. Non devi trovarti in nessun modo in difficoltà perché questo potrebbe compromettere il risultato delle tue foto.

Innanzi tutto devi sempre verificare che la fotocamera e gli obiettivi funzionino in modo corretto. Poi controlla se le batterie sono cariche e soprattutto che la scheda di memoria sia nuova.

Di solito quando devo fotografare una partita o qualsiasi altra esibizione sportiva, mi assicuro di avere sempre con me le seguenti attrezzature:

  • corpo macchina fotografica;
  • obiettivi;
  • batterie extra;
  • schede di memoria extra;
  • il necessario per la pioggia;
  • biglietti da visita;
  • agenda;
  • penna;
  • borsa per custodire il tutto.

Per eventi più grandi ho con me la seguente attrezzatura:

secondo corpo macchina;
obiettivi.

Cosa fare appena si arriva sul luogo dell’evento

Quando arrivi al luogo dove si svolge l’evento sportivo la prima cosa che devi fare è cercare un responsabile al quale ti dovrai presentare e chiedere se ci sono delle specifiche regole da rispettare relative ai fotografi.

Ogni posto ha regole diverse che dipendono anche dal tipo di sport praticato.

È importante sapere cosa è ammesso fare e non fare sul campo.
Nel caso non dovresti rispettare le regole rischieresti di finire nei guai e nel caso anche di essere cacciato dal luogo.

Una volta appreso tutte le norme, è bene che ti muova per trovare il posto più favorevole, con un buon punto di vista e che ti permetta di scattare foto con uno sfondo pulito.

Poi fai alcuni scatti di prova in modo da assicurarti che sia l’esposizione, sia il bilanciamento del bianco e le altre impostazioni siano giuste.

Impostazioni per eseguire fotografie sportive perfette

Le impostazioni della fotocamera per la fotografia sportiva cambiano in base al luogo, ad esempio si possono svolgere all’aperto oppure al chiuso e naturalmente variano anche in base allo sport.

Il tuo scopo è quello di catturare l’azione, devi essere in grado di fotografare qualsiasi sport e in qualunque luogo.
Io difficilmente scatto con una velocità dell’otturatore inferiore a 1/320 di secondo. Il motivo è perché non voglio che venga l’effetto motion blur dato da una chiusura più lenta e dall’assenza del flash.

(Questo perché qualsiasi rallentamento senza l’assistenza di flash esterni porterà molto probabilmente al motion blur.)

Nell’elenco riportato qui di seguito troverai le impostazioni che di solito utilizzo in diverse situazioni. Questi sono solo dei suggerimenti perciò ti consiglio sempre di sperimentare e di trovare quello che più funziona per te.

  • Di giorno all’aperto, soleggiato – 200 ISO, 1/2000, f4;
  • Di giorno all’aperto, coperto – 400 ISO, 1/1600, f4;
  • Di notte all’aperto, luci dello stadio – 1600 ISO, 1/320, f2.8;
  • All’interno, nessuna luce esterna – 1600 ISO, 1/400, f2.8;
  • All’interno, luce esterna – 400 ISO, 1/250, f4.

Nel caso in cui una foto, utilizzando una di queste impostazioni, dovesse risultare troppo chiara in determinate circostanze, io prima di aumentare la velocità dell’otturatore provo a diminuire il valore dell’ISO il più basso possibile.

Nel caso opposto, ovvero se le impostazioni dovessero risultare troppo scure, io prima di aumentare l’ISO provo a diminuire la velocità dell’otturatore.

Fatta questa premessa, ci tengo a dirti di non preoccuparti di modificare troppo il tuo ISO. È vero che l’immagine potrebbe risultare rumorosa, ma secondo me è meglio così che avere un’immagine sottoesposta.

Nel caso ti trovassi costretto a scattare con un’impostazione elevata di ISO, puoi sempre modificare l’immagine tramite il programma di riduzione del rumore.

Cosa fare quando inizia l’evento sportivo

Quando inizia l’evento sportivo, generalmente hai poco tempo per scattare le tue foto. Ad esempio per il basket hai a disposizione circa 40 minuti, invece per il baseball o per gli altri sport professionistici hai circa due ore.

Devi cercare di ottimizzare ogni minuto che ti rimane. Ora ti do qualche dritta per aiutarti a massimizzare il tuo tempo.

Seguire sempre la palla: Individua il giocare con la palla, utilizza la messa a fuoco continua e scatta seguendo il giocatore fino a che non finisce la partita.

Scattare serie di azioni complete: prima e durante l’azione utilizza la modalità continua per scattare più fotogrammi. Così facendo avrai la possibilità di scegliere il fotogramma migliore.

Anticipare le azioni: cerca di capire in anticipo dove andrà a finire la palla. In questo modo riuscirai a individuare il punto dove si svolgerà l’azione.

Nel caso ti trovassi a fotografare spesso una determinata squadra, vedrai che tutto ti risulterà poi più facile. Questo perché imparerai ad esempio a conoscere le tendenze della squadra e quindi saprai dove andrà la palla e come si svolgerà il gioco.

Prendi molti frame: più frame prendi, maggiori sono le possibilità di ottenere “custodi”.

La Post produzione fotografica sportiva

Conviene utilizzare Adobe Lightroom

Il lavoro in post-produzione è fondamentale perché dall’elaborazione di un’immagine potrai riuscire a migliorare o anche a peggiorare una foto.

Io di solito per sistemare le mie immagini utilizzo Adobe Lightroom. Questo programma è favoloso perché ti permette di fare tutto, dalla selezione, alla correzione fino al salvataggio.

Se non possiedi Lightroom non ti preoccupare ci sono altri buoni programmi come Adobe Bridge e Photoshop che ti permettono di fare le stesse cose.

Ora ti indico i passaggi che utilizzo per modificare le mie foto sportive con il programma Lightroom:

  1. Prima di tutto devi caricare le immagini sul computer e dopodiché devi aprirle in Lightroom;
  2. Una volta sistemate tutte le foto, puoi procedere con la selezione e contrassegnare (puoi utilizzare etichette colorate come ad esempio giallo, blu, verde, ecc.) tutte le foto che hai bisogno di migliorare;
  3. Mano a mano apri ogni singola foto e ingrandiscila al 100% per verificare la nitidezza;
  4. Se c’è bisogno puoi ritagliare l’immagine e livellare l’orizzonte;
  5. Mi raccomando quando ritagli un’immagine devi fare attenzione a non tagliare ad esempio le parti del corpo del soggetto principale come i piedi, le braccia, le gambe, ecc..;
  6. L’immagine deve essere leggibile, non ci si deve chiedere cosa sta succedendo in quella foto;
  7. Dopodiché passi a regolare l’esposizione, la luminosità, il bilanciamento del bianco e la nitidezza;
  8. Attenzione a regolare bene i tuoi bianchi e anche i tuoi neri, non devi ne sovraesporre e ne sottoesporre l’immagine;
  9. La cosa migliore è ottenere il giusto bilanciamento del bianco e l’esposizione nella fotocamera, questo faciliterà meglio il lavoro in post-produzione;
  10. Infine quando l’immagine modificata ti soddisfa, la puoi esportare o salvare e passare a quella successiva.

Suggerimenti e trucchi vari per le foto sportive

Adesso ti riporto alcuni suggerimenti e trucchi per le foto sportive che ho imparato nel corso degli anni.

Credo che, in alcune situazioni, ti potranno essere di aiuto.
Quando hai a che fare con azioni che si svolgono in lontananza nella tua foto comprendi anche i paesaggi. Invece quando ti trovi azioni molto vicine cerca di fare ritratti.

Nello specifico per le azioni lontane utilizza l’orientamento orizzontale. Ciò ti aiuterà con la composizione della foto e con il ritaglio.

Cerca di scattare le foto da un punto di vista più basso possibile.

Questo ti permetterà di ottenere immagini più forti, più espressive.

Ad esempio in quei sport che indossano cappelli e caschi riuscirai a vedere bene i volti, in modo tale da catturare le loro espressioni durante le azioni.

Inoltre, terminata ogni tipo di azione, ti consiglio di fotografare i numeri delle maglie dei giocatori in modo tale da ricordarti chi era coinvolto. Ti sarà utile nelle didascalie se non riuscirai a vedere i numeri durante la post-elaborazione.

Una volta che hai appreso le conoscenze basi e ti senti più sicuro e a tuo agio, ti consiglio di sperimentare.

Ad esempio scatta da posizioni differenti, provando angolazioni diverse. Con le tue foto cerca di mostrare alla gente cose che normalmente non riescono a vedere.

Quello che ti serve è fare molta pratica. Non ti devi scoraggiare alle prime difficoltà, anzi cerca di capire cosa hai sbagliato, migliorati e torna subito a fotografare.

Evitare di utilizzare il flash

Normalmente quando si effettuano foto a sport professionali il flash è vietato per il fatto che potrebbe distrarre i giocatori.

Ci sono però alcune eccezioni come ad esempio il basket e altri tipi di sport che si svolgono al coperto, ma sottolineiamo il fatto che il flash di solito non è permesso.

Nello specifico per quanto riguarda gli sport che si svolgono al chiuso, come nelle scuole, sono presenti dei lampioni che illuminano fortemente i campi da gioco. La fotocamera, utilizzando una procedura guidata, si sincronizza con questa luce.

Per gli sport al chiuso, nelle scuole in genere sono installati lampi (o flash) molto potenti nelle travi della palestra, consentendo a una quantità ideale di luce di cadere sulla superficie di gioco. Questi flash vengono quindi sincronizzati con la fotocamera utilizzando una procedura guidata tascabile.

Quando si fotografano sport che si svolgono all’aperto come il calcio, anche in questo caso è bene non usare mai il flash. Per questo motivo ti consiglio di aiutarti equilibrando l’ISO al giusto valore.

Prova qualcosa di diverso

Per distinguerti è fondamentale che le fotografie sportive non risultino tutte uguali.
Diversi anni fa, ci sono stati fotografi americani, i quali facevano parte di una piccola rivista, che decisero di provare qualcosa di diverso, in particolare per il calcio.

Cambiarono il punto di vista, scattarono non più all’altezza degli occhi ma arrivarono quasi a terra utilizzando una lente grandangolare.

Questa nuova prospettiva li aiutò a raccontare le azioni in maniera diversa. Il risultato è che oggi lo fanno tutti.

Quando scatti cerca di essere il più originale possibile e quindi prova sempre qualcosa di diverso.

Io ad ogni evento sportivo cerco di valutare tutte le possibilità per riuscire a scattare nuove foto.

Io sono un fotografo professionista e il mio lavoro principalmente consiste nel fotografare sport motoristici, ma ad ogni evento c’è una struttura differente.

Questo mi da la possibilità di provare nuovi scenari, angolazioni e punti di vista.

Per trovare qualcosa di diverso non è necessario scattare foto a sporti differenti, ma basta cercare nuove angolazioni ed essere creativi.

Dal momento che provi qualcosa di diverso, vedrai che aumenteranno le possibilità di catturare alcune cose che altri non riescono a vedere.
Nella foto qui sotto io ho scattato attraverso il parabrezza di un’auto da corsa e ho sorpreso il pilota mentre si preparava a scendere in pista.

Conclusioni

Il tuo obiettivo è quello di riuscire a scattare foto sportive eccellenti e originali? Con la fotografia sportiva si hanno molte opportunità di riuscire a scattare immagine forti che potranno entrare nella storia dello sport.

Il fotografo sportivo è testimone di eventi importanti che suscitano molte emozioni che sono interessanti da catturare, poi c’è molta azione e si ha a che fare anche con colori molto vivi.

Questi sono tutti elementi che permettono di fare foto eccezionali.

Se seguirai tutti i consigli presenti in questa guida sarai in grado di fotografare in qualunque posto e qualsiasi evento sportivo.

Inoltre il segreto è quello di continuare a scattare sempre, solo con la pratica ti perfezionerai.

Mi raccomando assicurati di avere sempre la mano ferma e di essere subito pronto a scattare quando il gioco comincia.

Consigli per la Fotografia Sportiva
About Giada Giacomini
Giada Giacomini è una Fotografa Sportiva professionista regolarmente iscritta all’ordine Nazionale dei Giornalisti. Prima come passione e poi come mestiere, nell’arco di 8 anni è riuscita a guadagnarsi un posto nel mondo della Fotografia Sportiva, svolgendo la professione in proprio e collaborando con i più grandi Fotografi Sportivi di Roma.